Nel dicembre scorso, fu approvato dal governo del nostro Paese un emendamento della cosiddetta legge “Finanziaria” da cui avrebbe potuto – e dovuto – prendere l’avvio una riforma delle scommesse.

Sono anche pronto ad ammettere che qualcosa possa migliorare in seguito a tutto ciò, ma, al momento, mi sento del tutto autorizzato a dubitarne. Infatti, alla base c’è già una contraddizione.
A quanto pare accertato “il prelievo sull’ippica rimane più che doppio rispetto a quello delle scommesse sportive” (come si legge in un articolo di Marco Trentini, pubblicato da “Trotto & Turf” del 21 dicembre 2017).
Fermo restando che lo Stato è quel soggetto che può compiere ogni iniquità ed ogni nefandezza nell’assoluta certezza della propria immunità e volendo risalire alla genealogia di questa assurdità giuridica, c’è da interrogarsi sia sulla natura di ciò di cui si sta parlando che sul perché della discriminazione.
Se la scommessa è “sportiva” non è perché lo scommettere venga fatto rientrare nell’”insieme delle gare e degli esercizi compiuti individualmente o in gruppo come manifestazione agonistica o per svago o per sviluppare l’agilità del corpo” (come recita la base definitoria di “sport” nel Dizionario etimologico della lingua italiana di Cortellazzo e Zolli – una definizione che, già nella seconda metà dell’Ottocento venne estesa ai “piaceri della caccia, delle corse dei cavalli, ecc.”), ma perché si riferisce ad attività categorizzate come “sportive” – per esempio, al calcio, al ciclismo, all’automobilismo, al tennis e, perché no, alle corse dei cavalli.
Ma il legislatore discrimina: qualche attività è più “sport” di altre, qualche attività riceve categorizzazioni positive e altre attività ricevono categorizzazioni negative. Da una parte il calcio – ne scelgo una ad esempio -, dall’altra l’ippica – una distinzione che, non potendosi basare sulle definizioni esplicite, surrettiziamente, implica un giudizio morale.
Da una parte il calcio – ne scelgo una ad esempio di un ambito in cui, in questi anni, vergognosi casi di corruzione sono venuti alla luce – e dall’altra l’ippica – su cui aleggia da tempo la nuvola fantozziana del malaffare.
Che la scommessa ippica – a differenza della scommessa calcistica – comporti il sostentamento delle persone che nell’ippica lavorano, che giovi all’allevamento ed all’agricoltura, allo Stato, evidentemente, non risulta. L’ignoranza dello Stato va a scapito di un settore produttivo e a vantaggio di un settore improduttivo.
Con ciò non voglio affatto sostenere che l’ippica, a differenza del calcio e di altri ambiti sportivi, sia “sana” – corruzione, doping, mancati controlli, omertà, etc. caratterizzano anche l’ippica, ma – è questo che voglio sostenere – non è che gli altri ambiti cui si riferiscono le scommesse dette “sportive” siano caratterizzati dalla più limpida virtù.
Basterebbe che il legislatore leggesse i giornali.
Insomma, vedo vari argomenti a sostegno del fatto che la scommessa “sportiva” venga tassata il doppio di quella ippica, vedo qualche argomento a sostegno del fatto che tutte le scommesse – se proprio devono essere tassate (cosa tutta discutere) – vengano tassate nella medesima proporzione e, soprattutto, non vedo neppure uno straccio di argomento a sostegno del fatto che la scommessa ippica venga tassata il doppio di quella che – e diciamolo, con proterva ipocrisia nel momento in cui viene utile per discriminare – viene chiamata “sportiva”.

232 comments on "FELICE ACCAME. La scommessa più e meno sportiva"

  1. tinyurl.com on

    We are a group of volunteers and starting a new scheme in our community.
    Your web site provided us with valuable info to work on. You have done a formidable job and our whole community will be
    thankful to you.

    Rispondi
  2. http://tinyurl.com on

    I feel this is among the such a lot significant information for
    me. And i’m happy reading your article. But wanna remark on some normal issues, The website taste is great, the
    articles is truly excellent : D. Just right process, cheers

    Rispondi
  3. air tickets cheap flights on

    You really make it seem so easy with your presentation but I in finding this matter to
    be actually something that I believe I might by no
    means understand. It seems too complicated and extremely huge for me.
    I am taking a look ahead on your next post, I’ll try to get the grasp of it!

    Rispondi
  4. how to find cheap flights on

    Great blog! Do you have any tips and hints for aspiring writers?
    I’m planning to start my own site soon but I’m
    a little lost on everything. Would you recommend starting with a free platform like WordPress or go for a paid option? There
    are so many choices out there that I’m completely confused ..
    Any suggestions? Many thanks!

    Rispondi
  5. gamefly on

    Hey I know this is off topic but I was wondering if you knew of any widgets I could add to my blog that automatically
    tweet my newest twitter updates. I’ve been looking for a
    plug-in like this for quite some time and was hoping maybe you would have some experience with something like this.
    Please let me know if you run into anything.
    I truly enjoy reading your blog and I look forward to your new updates.

    Rispondi
  6. http://tinyurl.com/ on

    Hello there! I could have sworn I’ve visited this
    blog before but after looking at many of the articles I
    realized it’s new to me. Anyhow, I’m certainly happy I stumbled upon it and I’ll be bookmarking it and checking back regularly!

    Rispondi
  7. tinyurl.com on

    Hey! Someone in my Facebook group shared this site with us so I came to take a
    look. I’m definitely loving the information. I’m book-marking and will be tweeting this to my
    followers! Terrific blog and amazing style and design.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.