Feed RSS

Scommesse virtuali in Italia: dati sempre in crescita


Quando hanno fatto il loro esordio nel mondo del gambling sembravano perlopiù destinate ad un ruolo di “parente povero” delle scommesse di eventi reali.





Stiamo parlando delle scommesse virtuali, di quel tipo di evento computerizzato e caratterizzato da partite e gare in cui i protagonisti sono calciatori e sportivi simulati.

Un'analisi della Global Betting and Gaming Consultants ha evidenziato la crescita esponenziale della raccolta nella penisola italiana, in questi ultimi due anni.
Molteplici i motivi di questo boom piuttosto inaspettato.

Se agli albori delle scommesse virtuali eravamo ancora di fronte ad un'animazione abbastanza spartana, adesso, con la grafica sempre più dettagliata e vicina alla realtà, la sensazione dello scommettitore che assiste all'evento è di essere semplicemente più coinvolto.
Poi c'è una maggiore attrazione verso i giochi random number generator-based (RNG – basati su un generatore casuale di numeri) anche perché, di pari passo, è diminuita la fiducia in alcuni sport live a causa degli scandali di match-fixing e spot-fixing.

I negozi di scommesse, inoltre, coprono parzialmente il “buco” del mattino, quando si tende ad avere meno eventi sportivi live, con le scommesse virtuali.

E infine la necessità di margini più elevati e stabili dal punto di vista economico: con l'aumento di costi di regolamentazione della gestione di un'impresa di scommesse, gli operatori hanno trovato nelle scommesse virtuali un discreto salvagente per coprire spese sempre più alte.

Alcuni dati della ricerca effettuata da Global Betting and Gaming Consultants.

Nel 2014 il fatturato delle scommesse virtuali è stato di 1.148 milioni di euro e la vincita lorda è stata di 186 milioni di euro, un margine del 16,2%.
Nel 2014 le scommesse virtuali hanno rappresentato il 18,3% del fatturato delle scommesse in Italia e il 15,5% delle vincite lorde delle scommesse.


Pubblicato il 06/10/2015

Tags:  gioconews virtualbets 










Contatti
Contatti