Feed RSS

Napoli-Roma, il match clou della Serie A: i precedenti di una rivalità


La sedicesima giornata di Serie A propone un importante confronto tra Napoli e Roma, due formazioni che occupano rispettivamente la terza e la quarta posizione in classifica.





Partenopei e capitolini, ad inizio stagione, erano i maggiori accreditati per la vittoria finale del campionato sui tabelloni dei bookmaker.

Con la crisi di risultati della Roma e la contemporanea progressione del Napoli, i principali siti di scommesse hanno dirottato le proprie preferenze sulla squadra di Sarri, sull'Inter e su una Juventus in netta ripresa.
Nell'ultima giornata di campionato, tuttavia, sia il Napoli che la Roma non hanno portato a casa i tre punti: i primi hanno perso a Bologna mentre i giallorossi hanno pareggiato sul campo del Torino.

Napoli-Roma | Probabili formazioni


L'ininfluente impegno di Europa League che ha visto il Napoli superare piuttosto agevolmente i polacchi del Legia Varsavia non influirà minimamente sulle scelte di Maurizio Sarri per questa sfida.
L'ex tecnico dell'Empoli schiererà davanti a Reina Hysaj, Albiol, Koulibaly e Ghoulam mentre il centrocampo più probabile sarà formato da Allan, Jorginho e Hamsik che si posizioneranno davanti al temibile tridente offensivo formato da Callejon, Higuain e Insigne.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Higuain, Insigne. In panchina: Gabriel, Rafael, Chiriches, Henrique, Maggio, Strinic, David Lopez, Chalobah, Valdifiori, El Kaddouri, Mertens, Gabbiadini. Allenatore: Sarri.






All'indomani del match di Champions League in cui la Roma non è andata oltre il pareggio contro i bielorussi del Bate Borisov (risultato che ha comunque consentito ai giallorossi di accedere agli ottavi di finale della competizione) Garcia è alle prese con qualche problema di formazione con Totti, Gervinho, Strootman e Torosidis indisponibili.
Il tecnico francese si affiderà a Szczesny in porta e a una difesa formata da Florenzi, Manolas, Castan e Digne.
A centrocampo Pjanic, De Rossi e Nainggolan, tridente offensivo formato da Dzeko, Iago Falque e Salah.

ROMA (4-3-3): Szczesny, Florenzi, Manolas, Castan, Digne; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Salah, Dzeko, Iago Falque. In panchina: De Sanctis, Lobont, Rüdiger, Gyomber, Maicon, Emerson, Keita, Vainqueur, Uçan, Sadiq, Iturbe, Gervinho.
Allenatore: Garcia.




Napoli-Roma | I precedenti


Le due squadre si sono affrontate nel “derby del Sole” in 68 occasioni sul territorio napoletano.
Il bilancio è favorevole agli azzurri, che hanno vinto 31 volte contro le 17 affermazioni della Roma (20 i pareggi).
L’ultima affermazione partenopea è il 2-0 del 2014/15; il segno “X” manca dal 2-2 del 2009/10; i capitolini non si impongono dall'1-3 del 2011/12.

In totale sono stati realizzati 157 le reti: 92 dal Napoli, 65 dalla Roma.
Nella scorsa stagione il Napoli si impose con il punteggio di 2-0 grazie alle reti realizzate da Higuain e Callejon.

Napoli-Roma | La rivalità


Tra le due tifoserie non corre buon sangue e i rapporti sono diventati pessimi dopo la morte di Ciro Esposito.
Il sostenitore napoletano fu raggiunto da un proiettile durante gli scontri a Tor di Quinto, nei pressi dello stadio Olimpico, prima della finale di Coppa Italia del 2014 tra Napoli e Fiorentina.
A sparare fu Daniele De Santis, ex ultras della Roma, che però ha sempre sostenuto di aver subito un'aggressione dai tifosi azzurri (versione discordante dall'accusa e da quella fornita dai testimoni).

Il drammatico episodio di Tor di Quinto, in realtà, non è l'unico nella storia delle due tifoserie: il 2 dicembre del 1973 accadde un fatto analogo e a far fuoco ad un supporter partenopeo di nome Alfredo Della Corte fu ancora una volta un tifoso della Roma, nei pressi dello stadio Olimpico.
Il tifoso napoletano si salvò per miracolo perché la pallottola che gli perforò il volto fu rallentata da un molare.

Gli incroci tra le due tifoserie sono stati spesso accompagnati da tensioni dentro e fuori dallo stadio, come nel 2001, quando nei dintorni del San Paolo si scatenò una spaventosa guerriglia urbana che coinvolse le due fazioni e le Forze dell'Ordine.

Sembrano lontanissimi i tempi in cui tra romanisti e napoletani erano legati da un decennale gemellaggio.
Erano gli anni '80 e le due tifoserie puntualmente si scambiavano bandiere al centro del campo, sfilavano sulle piste d’atletica dei due stadi e si sostenevano reciprocamente durante gli incontri.


Pubblicato il 11/12/2015

Tags:  napoli roma 










Contatti
Contatti