Feed RSS

RITORNA LA CHAMPIONS LEAGUE


Finalmente riparte l'appuntamento piu' atteso con il grande calcio europeo, anche quest'anno con solo due italiane al via.

GIRONE A


Non dovrebbero esserci grosse sorprese, con Psg e Arsenal che non possono certo temere il Basilea, per quanto la squadra svizzera possa fare perdere qualche punto per strada; il Ludogorets ha già fatto il miracolo per qualificarsi, anche se una porta per il terzo posto gliela si può lasciare aperta.
Per il primo posto invece il Psg resta più forte, senza contare che l’Arsenal è una squadra che qualche passo falso spesso lo compie

GIRONE B


Il girone del Napoli non è difficile ma non ci si può permettere distrazioni.
Napoli che verosimilmente dovrà fare i conti con il Benfica per il primo posto, con Dinamo Kiev e Besiktas un gradino sotto ma non tagliate fuori per il discorso qualificazione.
Il vero dato negativo per il Napoli è la minor esperienza a livello europeo rispetto non solo al Benfica, ma allo stesso Besiktas, anche se dalla sua avrà un tasso tecnico superiore, nonostante la partenza di Higuain.

GIRONE C


Girone molto bello, che ci permetterà di vedere già di fronte due delle favorite Barcellona e Manchester City, con tanto di amarcord per Guardiola.
Il Barcellona ha cominciato la stagione con qualche balbettamento, al contrario di un City che è partito a gonfie vele, ma in questa competizione i blau grana sono sempre al top, mentre i citizens qualche problema lo hanno sempre avuto.
Il Monchengladbach, oltre a maledire il sorteggio, dovrà cercare di tenere il terzo posto dal tentativo del Celtic, che in casa è sempre un avversario che può mettere in difficoltà.

GIRONE D


Girone che ricorda molto il girone C, con due superpotenze come Bayern Monaco e Atletico Madrid alle prese con un avversario velenoso come il Psv che può far perdere qualche punto per strada.
Di fatto questo è il girone tecnicamente più forte, con il Bayern che deve restare quasi per forza di cose il favorito per il primo posto, ma saranno in tanti a pensare che l’Atletico possa invertire il pronostico.
I russi del Rostov si godranno la passerella, magari giocando un altro scherzetto al calcio olandese, avendo già fatto fuori l’Ajax nel preliminare.

GIRONE E


Qui c’è equilibrio, con Tottenham, Monaco e Leverkusen che sono virtualmente sullo stesso piano, e con il CSKA Mosca che alla lunga pagherà dazio alla qualità delle rose avversarie, ma che può contare su una condizione più avanzata; insomma, una specie di mina vagante.
Il Tottenham sembra però un filo più attrezzato, ma la faccia brutta della medaglia è che in Europa non riesce a volte ad esprimersi come in campionato.
Il Monaco sta viaggiando a mille dopo essere passato con il Villareal e dopo aver battuto in campionato il Psg, mentre il Leverkusen è parso in crescita nell’ultimo week end.

GIRONE F


Ecco il girone di campioni in carica del Real Madrid, testati dal rampante Borussia Dortmund.
Un testa senza dubbio valido e che merita rispetto, ma è chiaro come sia il Madrid il netto deputato alla vittoria del girone.
Il Dortmund invece dovrebbe veleggiare al secondo posto, ben consapevole della sua forza rispetto a Legia Varsavia e Sporting Lisbona, che tuttavia non sono semplici vittime sacrificali, avendo alcuni valori tecnici affatto disprezzabili.
I portoghesi sono messi un filo meglio, ma nessuno si stupirebbe di vedere arrivare terzi i polacchi.

GIRONE G


Questo è senza dubbio il girone più debole, ma anche uno dei più attesi per la presenza del Leicester, la squadra del secolo dopo l’incredibile vittoria nella Premier l’anno scorso. Leicester che quest’anno sta cominciando a rientrare nei ranghi, ma è lecito pensare che tutta la concentrazione del caso sia stata rivolta a questa storica partecipazione, più unica che rara.
Fuori dai sogni resta il Porto la squadra più accreditata per la vittoria del girone, come sa bene la Roma sconfitta ai preliminari, con Brugge e Copenhagen che a loro volta proveranno in tutti modi ad approfittare di questa grande opportunità che il sorteggio ha loro regalato.

GIRONE H


La Juventus ha avuto in sorte avversari forti ma abbordabili, che non devono far paura se davvero il grande obiettivo è addirittura la vittoria finale; obiettivo certamente perseguibile visto che questa è la Juve più forte degli ultimi anni nonostante la partenza di Pogba.
L’unico neo è che finora se nei turni ad eliminazione diretta i bianconeri sono sempre stati all’altezza, nei gironi hanno spesso rischiato grosso, e su questo dato Siviglia e Lione proveranno a rinvigorire le loro speranze.
Siviglia che convince di più rispetto al Lione.
La Dinamo Zagrabria farà da comparsa, ma qualche punto può conquistarlo.


Pubblicato il 13/09/2016

Tags:  championsleague juventus napoli 










Contatti
Contatti