Feed RSS

5. Cos’è una surebet


Nello scorso articolo, ti ho parlato della differenza tra quota reale e quota di mercato di una scommessa. 


Abbiamo visto perché esse possono differire e come sfruttare tale differenza di valore.

Nell’ambito del calcolo della probabilità associata al segno, s’è detto come il bookmaker s’assicura un guadagno; ciò perché la somma delle percentuali di probabilità associate al segno, ossia l’allibraggio, anziché dare esattamente 100, dà un valore superiore al 100%.




Ci sembra opportuno, prima di riprendere nei prossimi articoli il discorso più generale sullo studio dei pronostici e sulle value bet, di parlare anche del caso opposto, ossia cosa succede quando la somma delle probabilità associate al segno, quindi l’allibraggio, dà valore inferiore a 100.
Succede esattamente l’opposto della situazione prima delineata: il vantaggio, e, quindi, il guadagno sicuro, non è stavolta dalla parte del bookmaker, bensì da quella del giocatore.

Siamo, allora, in presenza di una surebet!

Cos’è, quindi, una surebet?


Una surebet è, come dice la traduzione, una scommessa sicura!

Ma sicura nel vero senso della parola, quindi vinta al 100% ancor prima che si giochi l’evento.

Tu dici: com’è possibile ciò se si è detto che il bookmaker si assicura sempre una percentuale di guadagno a prescindere dall’esito dell’evento?
È verissimo ed, infatti, su un solo bookmaker è impossibile trovare surebet.

Come fare allora per trarre profitto dalle surebet?


Quello delle scommesse è un mercato libero a tutti gli effetti dove si crea concorrenza tra i vari bookmakers; questi cercano di offrire le quote migliori sul mercato con la conseguenza che non tutte le quote dei vari bookmakers saranno uguali, anzi!
Andando, allora, a prendere in considerazione tutte le varie quote dei bookmakers su un evento ed incrociandole tra loro, non è raro imbattersi in una surebet, ossia in una vincita sicura.

Un esempio reale ed effettivamente individuato dal servizio di Bettinglife.it, servirà a chiarire quanto detto.

Si è giocata recentemente Atalanta - Empoli, anticipo della diciottesima giornata di Serie A; prendiamo in considerazione i segni 1X2, le relative quote massime ed il bookmaker che le offre: 

1 @1,60 – Betitaly
X @4,20 – Betfair
2 @8,00 – Betfair 

Il primo passo da fare è convertire la quota in percentuale di probabilità associata al segno.
E quindi: 

1 = 62,5%
X = 23,81%
2 = 12,5% 

Sommando tali percentuali, abbiamo una percentuale di allibraggio pari al 98,81%.

Ciò significa che siamo in presenza di una surebet e che vinceremo sicuramente del denaro a prescindere dall’esito dell’evento.

Quindi, in generale, la condizione affinché ci sia la presenza di una surebet è che: 

(1 /quota 1) + (1/quota X) + (1/quota 2) < 1

Tornando al nostro esempio, precisamente, vinceremo sicuramente l’1,19% di quanto scommesso.

Calma, so già quello che stai pensando, ché è la domanda (o meglio, l’esclamazione) più ricorrente: “Ehhh, ma così poco?!”.

In termini assoluti, può darsi che vincere l’1% circa di quello che giochi non valga il gioco stesso (ma spesso tale espressione è delle stesse persone che vanno a giocare grossi capitali su quotine di @1,05 ed @1,10, prendendo grosse fregature!).

Ma attenzione! Qui non stiamo parlando di pronostici o di scommesse nel senso più conosciuto del termine!

Qui si sta parlando di vincite sicure!
E, ricordiamoci, l’assunto del primo articolo: i bookmakers non regalano mai soldi!

Ed, infatti, qui i soldi non te li regala nessun bookmaker, in quanto, s’è visto, che le tre opzioni di segno (1X2) non appartengono mai ad un solo bookmaker: giocando sui tre bookmaker, una delle tre giocate sarà vincente e determinerà l'intera vincita, le altre due saranno perdenti.
Ovviamente la vincita sarà tale da coprire le perdite e generare il guadagno.
Ne consegue che nessuno dei tre ti sta regalando soldi ma tu riesci a vincere perché stai sfruttando la matematica a tuo favore.

Potrai anche pensare: “D’accordo, sono soldi sicuri e nemmeno la mia banca mi dà l’1% sul mio deposito. Ma chissà che investimento dovrò fare affinché valga la pena di vincere sicuramente l’1%!”. 

Questa obiezione, in effetti, è più lecita della precedente.

Non ti nascondo il fatto che le surebet non possono essere giocate da tutti.
Servono sicuramente dei capitali iniziali affinché tu possa iniziare a vedere crescere notevolmente gli stessi.

Ciò è vero, soprattutto, se sei tu stesso a fare il lavoro “sporco”, ossia stare a monitorare continuamente le quote, fare calcoli, eccetera.
Ovviamente, sarebbe una mole di lavoro impossibile da sostenere e scoppieresti dopo nemmeno una settimana, considerato che saresti riuscito, sì e no, a trovare un paio di surebet.

È evidente che in ciò ci vuole un aiuto concreto, un software che ti consenta di trovare automaticamente tutte le surebet disponibili.

Il core business di Bettinglife.it è proprio riuscire a rintracciare tutte le surebet disponibili sul mercato e farti vincere matematicamente!

Se a ciò aggiungi il fatto che le surebet individuate sono davvero tante nell’arco di un mese, capisci bene che, con un 1% di surebet lì, un altro 3% là, assieme ad altre con punte anche oltre il 10%, la questione si fa davvero interessante e si iniziano ad ottenere guadagni mensili che giustificano sicuramente l’investimento.

Un’altra domanda a cui spesso mi capita di rispondere privatamente a chi ci segue è la seguente: “Come capisco quanto scommettere effettivamente su ogni segno, visto che le quote sono diverse?”.

Bettinglife.it ha pensato anche a ciò.
Come puoi vedere nella sezione dedicata alle surebet, c’è un calcolatore che ti permette di capire quanto puntare su ogni segno affinché tu possa sfruttare la surebet.

Potrai verificare da te che, inserendo le quote dell’esempio precedente e ipotizzando 100 € di investimento, le somme da giocare sono le seguenti:  

1 = 63,25 €
X = 24,10 €
2 = 12,65 € 

Quale che sia l’esito della scommessa, il nostro incasso sarà 101,20 € e, quindi, il nostro guadagno sarà di 1,20 €, ossia l’1,19% circa di quanto indicatoci dalla percentuale di allibraggio.

Naturalmente ho riportato l’esempio più classico, ma le surebet sono individuabili dal software anche nei mercati Under/Over, Gol/No Gol e così via.

In definitiva, vincere sicuramente alle scommesse è possibile grazie alle surebet.

Per far ciò, quello che ti serve è:  

- un buon numero di conti aperti presso i bookmakers, al fine di sfruttare le differenze di quota. Prima di ciò è, inoltre, consigliabile rivolgersi esclusivamente a bookmakers con il logo AAMS al fine di giocare nella legalità riconosciuta dallo Stato Italiano, nonché di conoscere i regolamenti dei bookmakers stessi;

- un discreto capitale di partenza da distribuire, appunto, nei vari conti;

- un software come quello realizzato da Bettinglife.it che ti permetta di individuare quante più surebet possibili;

- prontezza nel verificare le quote indicate dal software e nel piazzare immediatamente le scommesse indicate. Ricordati, infatti, che le quote variano continuamente a seconda dei movimenti di denaro e, quindi, quella che è una surebet adesso potrebbe non esserla più tra un quarto d’ora.

Mi permetto, in chiusura di articolo, di invitarti a provare gratuitamente per un mese il servizio di surebet alert di Bettinglife.
Siamo gli unici in Italia ad erogare tale servizio ed a dare l’opportunità di vincere sicuramente grazie alle surebet.

Abbiamo così completato il discorso più strettamente inerente le quote dei bookmakers ed abbiamo analizzato le due situazioni di allibraggio.

Nel prossimo articolo ti inizierò a parlare degli elementi da prendere in considerazione per lo studio di un pronostico.
Nel frattempo, voglio ringraziare le persone che stanno esprimendo privatamente e sui social l’interesse per questa serie di articoli.

Spero che continuiate a farlo seguendoci sempre sui nostri canali FacebookTwitter (@betting_life) e Google+ (Bettinglife.it) ed unendoti al Canale Telegram (telegram.me/bettinglife_it).


Pubblicato da Angelo D'Arrigo il 27/12/2016

Tags:  bettingschool 










Contatti
Contatti