Feed RSS

Il punto sulla Serie A: ventiseiesima giornata


Juventus, il turnover è ok! Napoli shock, addio sogni tricolori. Milan, tabù sfatato.

Si concluderà stasera con il posticipo tra Fiorentina e Torino il turno numero ventisei della Serie A TIM.




Un turno che ha visto lo scossone del San Paolo, espugnato dai giovani e dannati dell’Atalanta, con Caldara, difensore-bomber per un giorno, autore di una doppietta che ha regalato ai suoi lo 0-2 finale. 
Una bruttissima battuta d’arresto per gli uomini di Sarri che dovranno affrontare ora un trittico da brividi: la Juventus martedì allo Juventus Stadium per la semifinale d'andata di Coppa Italia, la Roma all’Olimpico il 4 Marzo per il prossimo turno di Serie A ed, infine, il Real Madrid per il ritorno degli ottavi di Champions. E c’è da ribaltare la sconfitta dell’andata per 3-1. 

Il clima attorno a Sarri e la squadra non è dei migliori e questa serie di partite potrebbe davvero creare una crepa insanabile tra l’allenatore dei partenopei ed il presidente De Laurentiis, affatto soddisfatto di quanto accaduto al Bernabeu, figurarsi della sconfitta rimediata ieri. 
Tutt’altra atmosfera attorno a Gasperini & Co. visto che questa vittoria è davvero la prova che l’organico è maturato a tal punto da poter seriamente ambire ad un posto in Europa per la prossima stagione. Peraltro, la vittoria assume maggior valore se consideriamo che il Napoli quest’anno in casa in campionato aveva sempre segnato ed in tutta la stagione non c’era riuscito solo quando aveva ospitato la Dinamo Kiev; ma allora fu uno 0-0 indolore poiché il Napoli riuscì lo stesso a qualificarsi vincendo poi l’ultimo turno dei gironi eliminatori in Portogallo. 

Chi prosegue la sua marcia verso il sesto tricolore di fila è, naturalmente, la Juventus che batte l’Empoli senza troppi affanni nella serata di Sabato. 
Juve che si presenta in campo con un mini turn-over: in campo Sturaro per Dybala, Neto per Buffon e difesa a 4 che vede assenti Barzagli e Chiellini con Bonucci e Rugani centrali. 
I toscani reggono alla forza d’urto dei bianconeri per tutto il primo tempo ed, infatti, è una Juve che crea tanto ma i palloni non sono mai verso la porta di Skorupski, il più delle volte per un niente, tant’è che il primo tempo termina curiosamente a reti bianche (era accaduto quest’anno in casa solo in occasione di Juventus – Napoli poi terminata 2-1 ed in pareggio per 1-1 era pure terminato il primo tempo di Juventus – Udinese, poi finita 2-1). 

Nella ripresa Mandzukic, l’uomo in più di queste ultime settimane di Juve, decide che è ora di buttarla dentro e, dopo aver ripetutamente sfiorato il gol nel primo tempo, raccoglie di testa un pallone perfetto crossato dalla destra di Cuadrado che prima colpisce la traversa e poi rimpalla sull’estremo difensore empolese prima di passare la linea bianca di porta (ed, infatti, sarà attribuita l’autorete a Skorupski). 
Qualche minuto dopo, i bianconeri chiudono i conti con Alex Sandro che gestisce in area un buon pallone rasoterra e di sinistro infila ancora ad incrociare alla sinistra di Skorupski. 
Solita Juve cinica che blinda la difesa e trova sempre il modo di segnare davanti (e con quei tenori lì davanti, vorremmo vedere se così non fosse!). Bianconeri che salutano il Napoli finito ormai a -12 e mantengono il vantaggio di +7 sulla Roma, vittoriosa a San Siro così come pronosticato anche dal nostro tipster Alex. 

Proprio il posticipo serale della Domenica è stato l’evento col maggior numero di reti, quattro, essendo la partita terminata con la vittoria dei giallorossi per 1-3 (dal punto di vista bettistico, si segnalano ben 7 UNDER sulle 9 partite fin qui disputate, in attesa di Fiorentina v Torino di stasera, decisamente in controtendenza col resto della stagione). 
Una Roma pronta ed autoritaria fin dall’inizio del match e non è casuale il vantaggio di Nainggolan dopo appena 11’ di gioco con un gran gol dal limite dell’area che va a finire sotto il sette alla sinistra di Handanovic. 
Il “ninja” si ripeterà, poi, sempre all’11’ ma del secondo tempo con un siluro che fulminerà l’estremo difensore nerazzurro. 
Inter poco tecnica e molto muscolare che vien fuori solo dopo un’ora di gioco ed Icardi approfitta di un buon invito di Perisic solo al minuto 80. 
Gara riaperta? Macché. Ci pensa Perotti, su rigore assegnato per fallo di Medel su Dzeko, a chiuderla definitivamente. 

Roma, quindi, che si mantiene in scia della Juve, sebbene i punti restino ancora 7. Ciò che, però, è significativo, è l’atteggiamento della squadra di Spalletti, sempre concentrata ed in uno stato di forma fisico invidiabile. E con quel Fazio lì che ormai ha le chiavi della difesa. 
Inter, invece, che, come faceva notare Alex nella sua analisi del pronostico, vince molto ma perde sempre le prove di maturità: prima Napoli, poi Juventus ed adesso la Roma. Ed ora, i cugini rossoneri sono ad un punto. 

Milan che nel pomeriggio di Domenica ha chiuso con una vittoria la gestione trentennale di Silvio Berlusconi. Salvo clamorosi colpi di scena, infatti, al massimo tra giovedì e venerdì, il passaggio di consegne del club rossonero alla cordata cinese dovrebbe essere ufficializzato.  
Tornando alla gara del Mapei, per il Milan, e soprattutto per Montella, questa è una vittoria particolare. Il Sassuolo è sempre stato tabù per i rossoneri: 3 sconfitte di fila ed allenatori che ci hanno lasciato le penne. 
Ed all’inizio del match sembrava che il copione doveva ripetersi, quando al minuto 11’ viene assegnato un rigore ai neroverdi che, però, Berardi calcia malamente di forza a lato. Passa non troppo tempo ed è ancora rigore ma stavolta per i rossoneri per un atterramento in area su Bertolacci. 
Si presenta Bacca (6 rigori su 6 quelli trasformati dal colombiano in maglia rossonera) ed è il vantaggio del Milan ma con feroci proteste da parte di tutto il Sassuolo che reclama l’irregolarità del tiro visto che Bacca, scivolando, pare toccare prima il pallone col piede sinistro e poi col destro. 
Nonostante qualche sortita offensiva, gli uomini di Di Francesco non saranno mai pericolosi dalle parti del neo maggiorenne Donnarumma ed, anzi, sarà il Milan a sfiorare il raddoppio nel finale con due contropiedi sull’asse Deloufeu-Suso ma prima Consigli e poi l’imprecisione negheranno la gioia del gol allo spagnolo, che tanto ci avrebbe tenuto vista la presenza allo stadio della fidanzata (vedere Instagram per credere!). 

Tant’è che il Milan riesce a portare a casa 3 punti fondamentali per la lotta europea ed ad avvicinare i cugini nerazzurri, ora distanti solo un punto. 

Come accennato, il pomeriggio della domenica è stato abbastanza avaro di gol e spettacolo. 
L’unico Over che si segnala è quello di Crotone, con i locali che hanno ospitato il Cagliari. 1-2 il risultato finale con gli isolani che scavalcano l’Udinese ed il Sassuolo in un colpo solo, issandosi al dodicesimo posto in classifica grazie alla loro seconda vittoria lontano dal Sant’Elia (la prima fu a San Siro contro l’Inter col medesimo risultato odierno). 

Il resto della Domenica ha detto poco: 

- il Palermo, nel Lunch Match, pareggiando 1-1 contro la Samp in casa ha rosicchiato un punto all’Empoli ma la salvezza rimane un miracolo; 

- il Chievo, in contro tendenza col movimento delle quote (era prevedibile una massa galvanizzata dall’esordio col botto di Zeman), batte 2-0 il Pescara e si porta a quota 35, in zona di totale tranquillità; 

- il Genoa, nonostante l’arrivo di Mandorlini subentrato a Juric, non va oltre il pari casalingo, 1-1, contro un Bologna rimasto in 10 dal 75’ e deve ringraziare Ntcham che sigla il gol al 94’, due minuti dopo essere entrato in campo; 

- infine, la Lazio che ha la meglio sull’Udinese in casa solo al 72’ grazie ad un rigore realizzato dal solito Immobile. Tre punti che gli permettono di staccare l’Inter di 2 punti e riprendersi il quinto posto. 

Il prossimo turno vedrà ben 3 anticipi Sabato 4 Marzo tra cui il già citato Roma – Napoli
Domenica la Juve sarà ospite ad Udine, l’Inter andrà a far visita al Cagliari ed attenzione al delicatissimo Atalanta – Fiorentina che potrebbe segnare l’addio di Paulo Sousa alla panchina viola in caso di sconfitta.


Pubblicato da Angelo D'Arrigo il 02/03/2017

Tags:  napoli  roma  seriea  inter  milan  juve 










Contatti
Contatti