Feed RSS

Eliteserien 2017: il riassunto dell'undicesima giornata.


Altro passo falso del Rosenborg. Il Molde tenta la risalita. L'Aalesund è una realtà. Viking sempre più giù.


Kristiansund v Sogndal 1-1


Il vantaggio dei padroni di casa è frutto di un vero e proprio regalo della difesa del Sogndal con Mendy che ne approfitta ed insacca con scaltrezza. Ancora un’occasione per il Kristiansund con tiro dalla distanza parato in angolo dal portiere. Nella ripresa a parte il gol del pareggio del Sogndal, con grande azione personale e tiro dalla distanza di Schulze, s’è visto poco e niente anche a causa del campo reso pesante dalla pioggia. Un punto che, di base, non serve a nessuno visto che entrambe le squadre navigano a vista appena sopra la zona retrocessione.

Brann v Aalesund 1-1


Parte forte il Brann che con azioni manovrate arriva spesso e volentieri dalle parti del portiere avversario; inevitabile il gol del vantaggio dei padroni di casa che arriva con il più classico degli autogol con cross dalla destra deviato maldestramente in rete da Ramsteijn. Brann ancora pericoloso anche nella ripresa ma, nonostante i calci d’angolo battuti a ripetizione, il raddoppio non arriva. L’Aalesund, squadra sempre temibile, prende pian piano coraggio ed agguanta il pari con un fantastico gol di Gyasi al minuto 81. Brann che aveva una buona occasione per scavalcare il Rosenborg ma col demerito di non aver chiuso la gara.
Ancora una buona prestazione dell’Aalesund che in trasferta ha il secondo miglior rendimento e si candida seriamente ad essere la rivelazione di questa Eliteserien.

Lillestrom v Tromso 4-1


Ospiti in vantaggio con un’azione insistita a dispetto del buon avvio dei padroni di casa che, non è un caso, raggiungono immediatamente il pareggio ed avrebbero meritato di chiudere in vantaggio il primo tempo. Vantaggio che, però, arriva al nono della ripresa con Knudtzon che si scatenerà e segnerà anche il terzo ed il quarto gol per la sua squadra dopo che il Tromso sarà rimasto in 10 uomini per l’espulsione diretta del numero 3, Antonsen. In generale, davvero pessima la fase difensiva del Tromso che veniva spesso bucata e che spesso concedeva inutili regali agli avversari. Tre punti d’oro per il Lillestrom che ottiene la sua seconda vittoria casalinga in sei gare e contro una diretta concorrente per la salvezza.

Molde v Stabaek 3-1


Il Molde, come spesso accaduto quest’anno, parte forte e chiude meritatamente in vantaggio il primo tempo per 2-0. Ancora forcing dei padroni di casa che, però, prendono gol su una delle poche sortite offensive degli ospiti. Nonostante sia rimasti in dieci uomini a difendere il risultato, riesce ad ottenere il 3-1 finale grazie ad una grande azione personale del numero 10, Sigurdason. Molde che ottiene la seconda vittoria consecutiva dopo la vittoria in trasferta contro l’Odd e pare riaffacciarsi nelle zone più nobili della classifica, quelle che più gli competono, proprio a ridosso dello Stabaek.

Haugesund v Sarpsborg 0-0


Il risultato rispecchia esattamente quanto visto in campo con le squadre che si sono equivalse e con la scarsa precisione degli attaccanti di entrambe le compagini che ha impedito di vedere qualche gol. Un’occasione sprecata per il Sarpsborg che, vista la sua attuale classifica, forse poteva osare di più e cercare la vittoria. Un buon punto per l’Haugesund dopo tre sconfitte di fila.

Stromsgodset v Viking 4-2


Pronti, via è subito lo Stromsgodset a portarsi in vantaggio con la difesa ospite imbambolata come spesso è successo quest’anno. Il primo tempo termina sul 2-0 ed in apertura di secondo tempo il danese Jradi fa il Cristiano Ronaldo della situazione con una splendida azione personale e porta a tre le marcature per i padroni di casa e si ripeterà appena tre minuti dopo per il 4-0. A punteggio ormai acquisito, lo Stromsgodset si rilassa e concede qualcosa agli avversari che riescono ad accorciare fino al 4-2. Tre punti fondamentali per i padroni di casa che si tirano momentaneamente fuori dai bassifondi della classifica. Viking sorprendentemente sempre più ultimo e che riesce a tirare fuori buone prestazioni solo con le grandi; difesa ancora una volta imbarazzante e non è un caso se al momento è la più perforata del torneo con ben 21 raccolti in fondo alla rete.

Sandefjord v Odd 0-0


Meglio il Sandefjord nella prima parte di gara quando mette in pensiero la retroguardia ospite ma non è mai pungente nelle conclusioni. Anche la ripresa inizia sulla falsariga del primo tempo e stavolta è il portiere dell’Odd che nega il vantaggio ai padroni di casa in almeno tre occasioni. Tanta volontà ma poca concretezza da parte del Sandefjord; parecchio sottotono l’Odd che, dall’alto della sua classifica e delle sue ambizioni, avrebbe dovuto sicuramente fare di più contro una squadra che lotterà per non retrocedere, sebbene al momento si trovi a metà classifica.

Valerenga v Rosenborg 1-1


In un primo tempo vivace con occasioni da ambo le parti è il Rosenborg a portarsi in vantaggio con un bel uno-due in area di rigore. La ripresa riprende con gli stessi ritmi della prima frazione di gioco ma stavolta è il Valerenga a buttarla dentro ed ottenere il pareggio son Stengel a sei minuti dal termine. Si sono viste due squadre atleticamente in forma e la partita in sé poteva terminare sicuramente con qualche gol in più.


Pubblicato da Angelo D'Arrigo il 30/05/2017

Tags:  eliteserien  rosenborg  molde  aalesund  viking 










Contatti
Contatti