Feed RSS

Le surebet: cosa sono


Negli ultimi anni il mercato delle scommesse sportive è cresciuto in maniera esponenziale.
Sono aumentati i bookmakers e la concorrenza tra loro, sono aumentati gli avvenimenti su cui scommettere e i tipi di scommesse.

Questo ha creato una possibilità di guadagno già molto conosciuta all’estero, ma ancora poco in Italia: le SUREBET.



Il concetto è abbastanza semplice: giocare proporzionalmente tutti i risultati di un evento (ad es. 1, X e 2) alle massime quote del mercato nei casi in cui genera un guadagno sicuro.

Per sapere quando vi è un guadagno bisogna calcolare la percentuale tra le quote massime, se è inferiore a 100 % vi è un guadagno tanto maggiore quanto è minore la percentuale.


La percentuale totale di una scommessa si calcola sommando il valore percentuale delle singole quote (percentuale = 100 / quota) e permette di calcolare il guadagno del banco in una singola tabella.

Ad esempio, se prendiamo una partita in cui le quote sono: 1: 2,2 - X: 3,4 - 2: 3,4, le percentuali delle singole quote sono 45,45 %, 29,41 % e 29,41 %, e la percentuale della tabella è la somma delle 3 percentuali quindi 104,27 %. 

Questo vuol dire che il banco ha un vantaggio del 4,27 %, se la percentuale fosse inferiore al 100 il vantaggio sarebbe del giocatore, che avrebbe una vincita sicura.


I bookmaker offrono le quote per ogni avvenimento a una percentuale che varia tra il 105 % e il 110 % circa, ma prendendo le quote massime tra tutti i bookmaker capita spesso che si scenda sotto il 100 % e quindi si generi un guadagno sicuro.



Un esempio semplice: prendiamo una partita di tennis Nadal - Federer, le cui quote sono abbastanza equilibrate, con alcuni bookmakers che privilegeranno uno, e altri che invece favoriranno il secondo. Ipotizziamo che le quote massime che offre il mercato sono vincente Nadal a quota 2,2 e vincente Federer a quota 2,2: in questo caso basta giocare entrambi i risultati per vincere sicuramente! 

Giocando ad esempio 100 € sull'1 e 100 € sul 2, comunque vada incassiamo 220 €, con vincita di 20 €, pari al 10 % del giocato.



Le surebet si possono dividere in 2 categorie:


1) quelle generate dalle differenze di quote tra i vari bookmakers, hanno un guadagno massimo più basso, che indicativamente arriva circa al 5% e sono le vere surebet. Sono molto frequenti e a seconda dei bookmaker possono durare anche parecchio tempo.


2) quelle dovute ad errori dei bookmakers (inversione delle quote o errori di inserimento), hanno percentuali di guadagno molto alte (superiori al 10 - 20 %), ma sono molto più rare e durano pochissimo.



Le surebet sono già molto conosciute e sfruttate all’estero, ma noi abbiamo deciso di puntare sull’Italia, dove invece sono ancora poco conosciute e sfruttate perché solo negli ultimi anni il mercato è cresciuto ed è diventato competitivo come quello europeo.


Giocare le surebet non va pensato come una scommessa vera e propria, ma come un accumulo progressivo di capitale: con un rischio minimo (può essere dettato quasi solo da propri errori) e un guadagno che dipende molto dal tempo dedicato, ma che può comodamente raggiungere e superare il 100% del capitale iniziale su base annua. 


Il guadagno di ogni singola surebet è infatti limitato, ma può essere frequente visto il numero di surebet, e accumulando e rigiocando i guadagni si possono ottenere nel tempo ottimi risultati.



Pubblicato il 19/06/2013

Tags:  surebet scommessesicure 










Contatti
Contatti