Feed RSS

Europa League 14-15: CHE OCCASIONE PER LE ITALIANE !


L'Europa League torna in campo e per noi tifosi italiani ci sono ben quattro partecipanti: Fiorentina, Inter, Torino e, l'eliminata dai play-off di Champions, Napoli.

Tra queste Inter e Napoli sono favorite alla vittoria finale.
I miglioramenti dei nerazzurri si sono già visti nel pre-campionato e in queste prime 2 uscite in Serie A.
Mazzarri non ha cambiato modulo ma ha a disposizione nuovi giocatori come Osvaldo, Dodò, Medel e Vidic che hanno già saputo ritagliarsi spazio come titolari e che fanno della squadra milanese una delle più attese di questa stagione.
I meneghini tornano dunque in Europa e la voglia di ritornare ai vertici (nazionali ed internazionali) unita all'abbordabile girone fanno dell'Inter una favoritissima di questa coppa.

Altra big dell'Europa League è, per vanto italiano, il Napoli che, superata la delusione per l'esclusione dalla Champions, avrà modo di riscattarsi comunque in ambito internazionale.
L'organico negli ultimi anni è stato allestito con il fine di giocare la massima competizione europea e questo crea un enorme gap tecnico fra gli azzurri e le altre squadre del torneo.
Benitez ha esperienza da vendere in questo tipo di palcoscenici e Gonzalo Higuain là davanti è una certezza.
Il reparto offensivo dei Partenopei è senza dubbio il più forte ed il più attrezzato di questa competizione ed una finale tutta italiana Inter-Napoli potrebbe non essere solo un sogno.



La sfortunata Fiorentina dovrà fare i conti con l'ennesimo infortunio di Pepito Rossi e con la forma non ancora perfetta del bomber tedesco Mario Gomez.
L'attaccante ha bisogno di sbloccarsi e Paok, Guingamp e Dinamo Minsk potrebbero essere le prede ideali per tornare a gonfiare la rete con costanza.
Con l' eventuale cessione Cuadrado avrebbe potuto giocare la Champions League ma i tifosi viola puntano molto sul colombiano e Montella potrà contare su di lui per un buon cammino in un percorso che potenzialmente è alla portata dei toscani.

Per quanto riguarda il Torino c'è poco da dire: una squadra che ha faticato a qualificarsi contro un modestissimo RNK e che ha ceduto i due gioielli della passata stagione non può ambire a piazzarsi tra le prime di questa “parte d'Europa” ma non dimentichiamo che il livello tecnico della maggior parte delle altre squadre non è altissimo e le sorprese nelle passate stagioni non sono mancate.
Il girone dei granata non è impossibile ma Copenaghen e Bruges hanno anche giocato la Champions quindi attenzione ad un girone che è facile solo all'apparenza.

Nel dettaglio questi i gironi delle italiane:
Girone B: Copenaghen – Bruges – Torino - Helsinki
Girone F: Inter - Dnipro - Saint-Etienne - Qarabag
Girone I: Napoli – Sparta Praga – Young Boys – Slovan Bratislava
Girone L: Fiorentina – PAOK – Guingamp – Dinamo Minsk

Tra le più gettonate per la vittoria della coppa ci sono anche Tottenham, Siviglia, Everton, Villareal e Wolfsburg.
Gli Spurs, trascinati durante i play-off da un ritrovato Lamela, hanno indubbiamente una rosa importante con parecchio peso specifico in avanti visto i due esperti centravanti Adebayor e Soldado e il trequartista argentino che inventa e velocizza l'azione offensiva.
In difesa possono contare sull'affidabile centrale belga Vertonghen e sul giovane terzino destro Walker che saranno coperti da un ottimo centrocampo che vanta le presenze di Paulinho e Dembelè.




Le possibilità di arrivare in finale e vincere la coppa sono molto concrete per questa squadra che però oltre che guardarsi dalle nostre italiane dovrà fare attenzione alla detentrice attuale del trofeo.
Infatti il Siviglia non lascerà facilmente lo scettro conquistato tanto duramente ma la rosa non è all'altezza di Inter, Napoli e Tottenham.
In squadra ci sono diversi giovani come Kolodziejczak, Figueiras, Krychowiak, Suarez e soprattutto il talentino spagnolo Deulofeu.
Fortunatamente per gli spagnoli il reparto offensivo compensa una squadra non fortissima e vanta opzioni come il colombiano Bacca e l'affidabilissimo Gameiro che saranno sostenuti da una folta batteria di trequartisti ed esterni d'attacco.

Everton, Villareal e Wolfsburg un gradino sotto le altre ma decisamente motivate a stupire più di quanto non abbiano già fatto in campionato.
Gli inglesi sono reduci da un ottima annata in Premier e hanno una squadra molto ben attrezzata. Oltre a giovani interessanti come Barkley e Stones ci sono nomi importanti come l'espertissimo portiere americano Howard, l'ex citizien Barry, l'ala destra Miralls e due punte quali Eto'o e Lukaku.
Everton che ha tutte le carte in regola per essere la sorpresa di questa Europa League e piazzarsi anche tra le prime 8.

Villareal e Wolfsburg praticamente sulla stessa barca viste le rose non di primissima fascia ma se gli spagnoli possono contare sull'ottimo colletivo, i tedeschi hanno dalla loro il perno del centrocampo Luiz Gustavo e il gioiellino belga De Bruyne.
La partecipazione di squadre esperte e di qualità lascia però poche speranze a questi due team.

Da citare anche la partecipazione di squadre che abbiamo imparato a conoscere come Borussia Monchengladbach, Copenaghen, Celtic, PSV, Lille, Paok e Panathinaikos. Squadre che potrebbero passare i gironi ma incontrare difficoltà nella fase ad eliminazione diretta.

I restanti gironi sono dunque:

Girone A: Villareal – Monchengladbach – Zurigo – Apollon Limassol
Girone C: Tottenham – Besiktas – Partizan – Asteras Tripolis
Girone D: Salisburgo – Celtic – Dinamo Zagabria - Astra
Girone E: PSV - Panathinaikos – Estoril Praia – Dynamo Mosca
Girone G: Siviglia – Standard Liegi – Feyenoord - Rijeca
Girone H: Lille – Wolfsburg – Everton – Krasnodar
Girone J: Dinamo Kiev – Steaua Bucarest – Rio Ave – Aalborg
Girone L: Metalist – Trabzonspor – Legia Varsavia – Lokeren

Ovviamente questa analisi non tiene conto delle insidie riguardanti le “retrocesse” dalla Champion che, in particolar modo se fossero squadre importanti, andrebbero ad inserirsi tra le favorite visti gli organici costruiti per quella competizione.

Concludendo con un ennesimo augurio alle squadre italiane non ci resta altro che aspettare l'esordio dei gironi e tenerci liberi il giovedì sera!


Pubblicato il 18/09/2014

Tags:  europaleague inter napoli fiorentina torino 










Contatti
Contatti