Feed RSS

Presentazione della Serie A, stagione 2019 - 2020


Riparte la Serie A! Sarà ancora Juventus?


Dopo Premier League, Ligue 1, Bundesliga e Liga, riprende anche la Serie A che aprirà le danze con l'anticipo tra Parma e Juventus di sabato alle 18.
Proprio i bianconeri saranno ancora una volta la squadra da battere, forti dell'ottavo scudetto consecutivo vinto e con un Cristiano Ronaldo già tirato a lucido per l'inizio di stagione.
Il mercato della Juventus è quello che ha tenuto maggiormente banco sin dalla metà di maggio: la dirigenza ha, infatti, deciso che il tempo di Allegri fosse finito e fino a metà giugno si sono rincorse voci sul nuovo allenatore. Fonti "certe" avevano praticamente dato per fatto l'approdo di Guardiola - tant'è che i bookmakers, ad un certo punto, hanno addirittura bloccato le giocate - ma, alla fine, è arrivato Maurizio Sarri: della serie, se non puoi battere il nemico, alleati con lui, considerato il passato da allenatore del Napoli per il tecnico toscano.

Sistemato l'allenatore, la dirigenza bianconera ha poi piazzato il colpo De Ligt, difensore dell'Ajax che aveva proprio punito la "Vecchia Signora" nella scorsa edizione di Champions, versando ben 85,5 milioni di euro nelle casse dei "lancieri".
Non solo: il centrocampo è stato ridisegnato con gli innesti a costo zero di Rabiot e Ramsey (quest'ultimo accordo era già siglato da tempo) e la difesa è stata ulteriormente puntellata con l'arrivo del brasiliano Danilo, nell'operazione che ha portato Cancelo alla corte di Guardiola, dei centrali Demiral e Romero e dal terzino della Roma, Luca Pellegrini.
In stallo il mercato in uscita per i bianconeri che, per il momento, sono riusciti a dare Spinazzola alla Roma e Kean all'Everton, oltre al già citato Cancelo, ma risultano ancora in esubero nomi eccellenti quali Higuain e Mandzukic e resta da capire anche il futuro di Dybala.

Principale antagonista della Juventus, sulla carta, sarà ancora il Napoli di Carlo Ancelotti, riconfermatissimo sulla panchina dei partenopei. Il colpo di De Laurentiis è stato fatto da tempo in difesa con l'arrivo di Manolas che con Koulibaly forma una delle coppie centrali probabilmente più forti della Serie A. In dirittura d'arrivo anche l'esterno messicano del PSV Lozano, con i tifosi che sognano ancora l'arrivo del colombiano James Rodriguez.

Chi pure ha fatto un mercato sontuoso è stata l'Inter che ha tutte le carte in regola per insidiare il primato della Juventus. Zhang ha voluto a tutti i costi Antonio Conte che finalmente torna in Italia dopo la parentesi inglese al Chelsea e l'ultimo anno di stop. I nerazzurri hanno praticamente risistemato la spina dorsale della squadra con gli arrivi di Godin, Sensi, Barella e del crack Lukaku, strappato alla concorrenza della Juventus.
Hanno salutato Perisic, accasatosi al Bayern Monaco, e Nainggolan, tornato al primo vecchio amore, il Cagliari, e resta tuttora da risolvere la grana Icardi, di fatto non inserito nel progetto tecnico di Conte ma che fa resistenza nel lasciare i nerazzurri, anche alla luce dell'acquisto della nuova mega casa proprio nel capoluogo meneghino.

Poi, troviamo l'Atalanta, col confermatissimo Gasperini, che per la prima volta nella sua storia si affaccerà al massimo panorama continentale, giocando la Champions League. La dirigenza è riuscita a trattenere tutti i maggiori artefici della fantastica annata, quali Gomez, Duvan Zapata e Ilicic ed ha puntellato la rosa con l'arrivo di Muriel e con l'innesto dell'ultima ora, Laxalt, dai rossoneri.

Proprio il Milan è la grande incognita di questa stagione: per i rossoneri ci sono stati arrivi e partenze a tutti i livelli. Hanno salutato Leonardo e Gattuso e sono arrivati Boban e Giampaolo ed anche la rosa ha visto innesti e partenze. Per Theo Hernandez, ex Real, s'è mosso Maldini in prima persona. Dall'Empoli sono arrivati Krunic e Bennacer, mentre in attacco Leao, ex Lille, farà coppia con Piatek, ancora con le polveri bagnate in questo precampionato. In difesa Duarte farà rifiatare Musacchio. Si cerca ancora un altro colpo in attacco - Correa dell'Atletico è il primo obiettivo - ma molto dipenderà anche dalle cessioni, prime fra tutte quella di Andrè Silva, dopo che Cutrone s'è accasato al Wolverhampton.

Riguardo le romane, i giallorossi si sono fin qui mossi più dei cugini laziali: Mancini, in arrivo dall'Atalanta, affiancherà Fazio nelle retrovie mentre Veretout, al centro di un braccio di ferro col Milan, agirà a centrocampo con Cristante. In avanti, il rinnovo a sorpresa di Dzeko ha messo fine a tutte le voci di mercato che volevano il bosniaco lontano dalla Capitale, dove invece rimarrà per il quinto anno di fila. Dopo l'esonero di Di Francesco e la breve parentesi con ritorno di Ranieri, quest'anno il tecnico sarà Fonseca, in arrivo dallo Shaktar.

Dicevamo anche della Lazio: a parte Lazzari dalla SPAL, non ci sono state significative mosse in entrata per i biancocelesti e, allo stesso tempo, Lotito ha trattenuto tutti i suoi gioielli. Pertanto, la Lazio si presenta ai nastri di partenza con gli stessi effettivi dell'anno scorso - salvo sorprese in questi ultimi dieci giorni di mercato - con al timone ancora Simone Inzaghi, dopo le voci che lo volevano lontano da Formello verso la fine di maggio.

Chi potrà essere l'outsider quest'anno?


Sulla carta, occhio alla Fiorentina del nuovo presidente Commisso. Montella, confermato, nonostante la serie di sconfitte degli ultimi mesi della scorsa stagione che quasi stavano portando in B la Viola, avrà ancora a disposizione Federico Chiesa, messosi in evidenza anche agli Europei Under 21, al quale il tecnico potrà affiancare Boateng, anch'egli di ritorno in Italia, ed il non più giovanissimo Ribery che, però, in Serie A potrebbe ancora fare la differenza.

Squadre pure interessanti da vedere in campo saranno Bologna, Cagliari e Genoa.
Il Bologna ha iniziato la stagione con la notizia shock che ha riguardato il tecnico Mihajlovic, colpito da leucemia ma confermato dalla società e convinto più che mai a lottare sia per sé stesso che per la squadra (nel pre-gara di Coppa Italia contro il Pisa, Mihajlovic ha fatto un discorso alla squadra direttamente dall'ospedale via web). L'obiettivo sarà migliorare il piazzamento dell'anno scorso dopo che con l'arrivo del serbo in panchina la media punti era diventata praticamente da zona Europa.

Il Cagliari, come detto, ritrova Nainggolan che con Rog e Nandez forma un interessante centrocampo che supporterà il bomber Pavoletti, a sua volta affiancato da Joao Pedro. Obiettivo salvezza sicura per gli isolani.

Il Genoa ha piazzato il colpo Schone, ex Ajax, a centrocampo ed in avanti punterà tutto su Kouamè, alle cui spalle agirà Saponara. Andreazzoli sarà il nuovo tecnico.

Sull'altra sponda di Genova, quella blucerchiata, è arrivato, invece, Di Francesco il quale avrà a disposizione un tridente formato da Caprari, Gabbiadini ed il sempreverde Quagliarella. Hanno salutato i due pezzi da 90 Praet e Andersen, accasatisi rispettivamente al Leicester ed al Lione, ma a centrocampo è arrivato dall'Udinese Jankto.

Chi cercherà di confermarsi ai livelli dell'anno scorso è il Torino. I Granata hanno iniziato la stagione prima di tutti, visto che stanno giocando i preliminari di Europa League dopo che il Milan è stato estromesso dalle Coppe. Mazzarri ha praticamente visto confermato il blocco dell'anno scorso con qualche rientro dai prestiti. Il difficile, in questi casi, sarà tenere alta la concentrazione col doppio impegno, nonché gestire le forze fisiche, visto l'inizio di stagione anticipato.

Abbiamo accennato all'Udinese quando abbiamo parlato del passaggio di Jankto in blucerchiato. Tudor, confermato, dopo la pressoché tranquilla salvezza dell'anno scorso, ha ancora a disposizione De Paul, ma non si esclude una clamorosa cessione negli ultimi giorni di mercato.

Si giocheranno la salvezza le squadre rimaste, ossia Brescia, Lecce, Verona - che sono le tre neopromosse - Parma, Sassuolo e SPAL. Tra queste, il colpo di mercato di maggior effetto l'ha piazzato proprio il Brescia che ha fatto leva sul senso di appartenenza ed ha riportato in Italia Mario Balotelli, motivato a ricominciare dalla provincia per riprendersi una maglia della Nazionale in vista dei prossimi Europei.

Non ci resta che stare a vedere che cosa succederà quest'anno! Di certo non mancheranno le sorprese!


Pubblicato da Alex il 22/08/2019

Tags:  napoli  roma  serie a  juventus  lazio  inter  milan  atalanta 










Contatti
Contatti