Feed RSS

SERIE A: VENTOTTESIMA GIORNATA


Lo scudetto è ormai quasi assegnato, ma c'è grande lotta per Champions, Europa League e salvezza. Vediamo le partite della 28^ giornata.

CHIEVO-PALERMO 21/3 ore 18. 

Dopo la netta sconfitta in casa dell'Empoli per 3-0, la squadra di Maran ha pareggiato al Bentegodi a reti inviolate contro Milan e Roma e ha vinto nell'ultima giornata al Ferraris contro il Genoa per 0-2. 
La salvezza è ormai vicina e con l'organizzazione espressa può dirsi in cassaforte. 
Il Palermo, anch'esso con due pareggi alle spalle per 0-0 contro Empoli e (in trasferta) Cesena, viene dalla sconfitta contro la Juventus per 0-1 in una gara povera di occasioni da gol. La squadra di Iachini ha perso la seconda gara stagionale in Serie A al Barbera, dopo 7 vittorie e 3 pareggi, e non segna da 330 minuti. Maran non ha a disposizione il dinamico e duttile centrocampista Hetemaj; Iachini può contare sugli stessi convocati dell'ultimo turno. 
L'esito più probabile è il pareggio; il Palermo con la maggior qualità complessiva e con una giocata individuale di Dybala (o Vazquez) potrebbe anche vincerla ma il rendimento esterno dei rosanero è peggiore solo rispetto a quelli di Cesena e Parma (una vittoria in 13 gare). 
La quota non è invitante ma l'under 2.5, che i clivensi hanno registrato in 6 delle ultime 8 occasioni (terminando, nelle 14 sfide interne, in 5 occasioni col risultato di 0-0), è la puntata più sensata. 

MILAN-CAGLIARI 21/3 ore 20.45 

Il Milan viene dalla sconfitta a Firenze, subita in rimonta, per 2-1. I rossoneri hanno disputato un buon primo tempo sfruttando l'iniziale formazione inedita degli avversari, senza la rapidità di Salah e Joaquin (poi subentrato e protagonista della vittoria) e in particolare difficoltà nella corsia di destra con Richards spaesato nella difesa a 3 spesso fronteggiato dal giocatore più pericoloso del Milan, ovvero Menez. 
La squadra di Inzaghi ha trovato un vantaggio fortunoso al 56' nel miglior momento degli avversari, che hanno dominato tutto il secondo parziale conquistando i 3 punti. 
Il Cagliari, col ritorno del Boemo in panchina dopo il mancato miglioramento dell'esperienza Zola, ha disputato un eccellente primo tempo contro l'Empoli dove avrebbe meritato il doppio vantaggio. I toscani hanno avuto il merito di crederci fino alla fine e all'ultimo secondo di gioco (90+3) hanno trovato il pareggio. 
Inzaghi recupera De Jong in mezzo il campo, determinante in fase di interdizione, e la mezzala Poli; Zeman recupera Avelar sulla corsia di sinistra, gli interni di centrocampo Ekdal e Donsah e il capitano Conti (che siederà in panchina, Crisetig si è dimostrato più competitivo nel corso di questo campionato). 
Le reti dovrebbero arrivare da entrambe le parti e un risultato positivo dei sardi, affamati di punti a - 4 dall'Atalanta, non sorprenderebbe. 

EMPOLI-SASSUOLO 22/3 ore 12.30 

L'Empoli ha ottenuto il 7° risultato utile consecutivo e il 15° pareggio stagionale (primato in Serie A) al Sant'Elia per 1-1. Come nella precedente gara contro il Genoa la squadra di Sarri ha sofferto molto la pressione degli avversari nel primo tempo, recuperando lo svantaggio nel secondo parziale. 
Il Sassuolo è tornato alla vittoria contro il Parma dopo 5 turni in cui aveva raccolto solo un punto, anche se gli avversari erano Sampdoria-Fiorentina-Napoli-Lazio-Juventus. 
Nell'Empoli sono da valutare le condizioni del difensore Tonelli e del trequartista Verdi; Di Francesco recupera il terzino destro Vrsaliko, in ballottaggio con Gazzola. 
Il Sassuolo difensivamente non è molto coperto ma con la qualità offensiva dei 3 attaccanti una rete dovrebbe trovarla. A questo punto del campionato, con squadre tranquille in ottica salvezza (come l'Empoli) ma senza la certezza matematica, l'esito x tende ad aumentare e in questo caso ci pare l'esito più probabile. 

JUVENTUS-GENOA 22/3 ore 15 

La Juventus, prima dell'impresa di mercoledì al Westfallenstadion, ha conquistato 3 punti anche a Palermo chiudendo definitivamente, se ce ne fosse ancora bisogno, ogni pratica scudetto. La brutta notizia riguarda l'infortunio di Pogba, che starà fuori all'incirca 2 mesi. 
Il Genoa, dopo 5 risultati utili consecutivi, ha perso in casa contro il Chievo per 2-0 ed è 8° a - 8 dal 6° posto. 
Le condizioni di Marchisio sono da valutare, Morata è squalificato mentre Pirlo torna a disposizione ma dovrebbe partire dalla panchina. Gli uomini a centrocampo sono contati e le soluzioni alternative sono poche. 
Gasperini non può contare sul centrocampista Rincon e sull'esterno d'attacco Iago Falque. 
Il pronostico dipenderà in buona parte dalle scelte del tecnico toscano, per quel che riguarda il modulo e la contestuale scelta dei giocatori. Con le quote proposte si può prendere in considerazione il gol degli ospiti, quotato oltre 2 volte la posta. 

NAPOLI-ATALANTA 22/3 ore 20.45 

Il Napoli ha conquistato l'accesso ai quarti di Europa League gestendo tranquillamente il 3-1 dell'andata contro la Dinamo Mosca. In campionato non vince da 3 turni: dopo la sconfitta a Torino e il pareggio contro l'Inter, subito in rimonta sul doppio vantaggio, ha perso la 7^ gara in campionato contro il Verona che ha giocato con un'altra intensità contro un Napoli penalizzato anche dal turnover. La Lazio ha conquistato il 3° posto in solitaria e, dato l'andamento dei biancocelesti, non sarà facile per la squadra di Benitez riagguantarla. 
L'Atalanta, con Reja in panchina, viene dai 2 pareggi contro Parma e Udinese sempre con il risultato finale di 0-0. I punti di margine sulla terzultima sono 4. 
Il tecnico spagnolo, oltre a Strinic e Gargano (già assenti a Verona), non ha a disposizione il terzino Goulahm e il difensore centrale Koulibaly. Sulla corsia di sinistra verrà adattato Britos con Henrique al centro al fianco di Raul Albiol. 
Reja deve fare a meno del centrocampista Carmona, al suo posto giocherà Migliaccio, mentre recupera il determinante esterno destro Zappacosta. 
Il Napoli tornerà a nostro parere alla vittoria e l'Atalanta, se giocherà come sembra con un 4-2-3-1 più offensivo del 3-4-2-1 di domenica, un gol potrebbe segnarlo sfruttando le assenze difensive degli avversari. 

PARMA-TORINO 22/3 ore 20.45 

Il Parma, nonostante la grottesca situazione societaria, ha giocato nel primo tempo alla pari del Sassuolo, che ha dilagato nel secondo tempo. Le motivazioni sono quasi inesistenti ma i giocatori stanno provando con dignità a dare il massimo, all'interno di una società il cui futuro è incerto. 
Al Torino non è bastato il gol di Glik al 90' per compensare il 2-0 rimediato all'andata degli ottavi di Europa League contro lo Zenit. Nell'ultimo turno di campionato, con giocatori decisivi tenuti a riposo per la gara di coppa, ha perso contro la Lazio, che è una delle squadre più in forma in Serie A, per 0-2. Donadoni non ha a disposizione il portiere Mirante, J. Mauri e Gobbi. Nel Torino sono da valutare le condizioni del solo Vives. 
La partita non preannuncia spettacolo, se non fosse per i recenti impegni di coppa la vittoria esterna ci starebbe tutta. In alternativa si può optare per il mancato gol dei gialloblu, quotato oltre 2 volte la posta. 

CESENA-ROMA 22/3 ore 20.45 

Il Cesena di Di Carlo ha fornito un'altra buona prestazione sul campo dell'Inter, pareggiando meritatamente per 1-1. 
La Roma ha perso contro la Samp per 0-2, nonostante il dominio giallorosso del primo tempo, ed è stata eliminata giovedì dalla Fiorentina, uscita trionfante con un netto 0-3 (i gol sono stato segnati nei primi 22 minuti di gioco). I tifosi stanno contestando la squadra e ora l'unico obbiettivo è quello di mantenere il secondo posto (sempre più a rischio). 
Garcia, oltre alla lunga lista di lungodegenti, non ha a disposizione Keita e Pjanic mentre torna Nainggolan. Le le scelte a centrocampo sono quasi obbligate con De Rossi davanti alla difesa e uno tra Paredes e Florenzi al fianco del belga. 
Nel Cesena è in forse il fantasista Brienza, già indisponibile a San Siro. 
Con le attuali difficoltà della Roma nel trovare la rete l'under ci pare il pronostico più logico. La Roma è favorita per le quote e, dato lo scarso stato di forma fisica e il 4° impegno in 10 giorni, la doppia chance interna è più conveniente. 

SAMPDORIA-INTER 22/3 ore 20.45 

Dopo il pareggio nel derby la Sampdoria ha vinto 3 gare consecutive contro Atalanta, Cagliari e nell'ultima trasferta contro la Roma. La squadra di Mihajlovic è stata salvata nel primo parziale da uno strepitoso Viviano e nella ripresa è andata in vantaggio con una giocata, su angolo battuto corto, di Eto'o che ha portato il gol di De Silvestri. Il 2-0 è arrivato con una ripartenza fulminante iniziata e conclusa da Muriel, subentrato ad Okaka a 15 min. dal termine. L'Inter non vince da 3 turni, ha pareggiato (non meritando di più) contro il Cesena nell'ultimo incontro e giovedì è stata ancora sconfitta dal Wolfsburg per 1-2, dopo il 3-1 dell'andata. 
Mihajlovic recupera il centrocampista Acquah; Mancini non ha a disposizione il terzino sinistro Dodò. L'Inter, col Mancio in panchina in campionato, ha mantenuto la propria porta inviolata in sole 3 occasioni su 16. L'inserimento di Brozovic ha dato maggior equilibrio tattico ad una squadra che comunque in fase di non possesso fatica a recuperare il pallone, col solo Medel (tra centrocampo e attacco) predisposto alla fase difensiva. Le note positive dei nerazzurri, come si è visto a Napoli, riguardano la mentalità: rispetto alla gestione Mazzarri l'Inter si adegua all'avversario e, con un misto di coraggio e imprudenza, prova a proporre il proprio gioco dall'inizio alla fine, concedendo spesso e volentieri troppi spazi agli avversari. 
La Sampdoria è abile nelle ripartenze ed è più equilibrata dei nerazzurri, con le mezzali che garantiscono allo stesso tempo qualità e quantità. 
I padroni di casa partono con i favori del nostro pronostico in una gara che dovrebbe regalare reti da ambo le parti. 

LAZIO-VERONA 22/3 ore 20.45 

Dopo le sconfitte contro Cesena e Genoa, che sembravano aver compromesso il sogno del terzo posto, la Lazio si è risollevata, scavalcando il Napoli, con 5 vittorie consecutive (unica insieme alla Roma ad aver conquistato 15 punti in 5 giornate nel corso di questo campionato) contro squadre non tra le più semplici da affrontare (Udinese-Palermo-Sassuolo-Fiorentina-Torino). 
Anche il Verona si è ripreso: dopo le tre sconfitte consecutive tra la 21^ e la 23^ giornata sono arrivati quattro risultati utili, tra cui la vittoria dell'ultimo turno contro il Napoli dove la squadra di Mandorlini è ripartita con facilità e puntualità (in special modo nel primo tempo) ricompattandosi, nel momento di perdita del pallone, con i tempi giusti chiudendo ogni spazio agli avversari. 
Questa è la quinta occasione su 27 in cui il Verona, peggiore difesa tralasciando le ultime 3 classificate, mantiene la propria porta inviolata (sottolineiamo le ottime prestazione del portiere Benussi, che ha preso il posto a Rafael nel corso della competizione). 
Pioli recupera Candreva e potrebbe schierare Mauri in panchina, a testimonianza del valore della rosa biancoceleste (soprattutto sulla trequarti). 
Mandorlini perde J.Gomez e Sala causa squalifica. A destra giocherà Martic e potrebbe partire dall'inizio l'attaccante esterno Christodoulopoulos, in alternativa verrà avanzato l'islandese Halfredsson con l'inserimento di Ionita a centrocampo. 
Entrambe le squadre sono statisticamente da over-gol, la Lazio parte nettamente favorita.

UDINESE-FIORENTINA 22/3 ore 20.45 

L'Udinese sta disputando un campionato un po' anonimo, se non fosse per gli ottimi risultati in avvio (16 punti nei primi 8 turni) lotterebbe con ogni probabilità per la salvezza. Dopo la vittoria contro il Torino, distratto e penalizzato dagli impegni europei, la squadra di Stramaccioni ha pareggiato 0-0 a Bergamo. 
La Fiorentina sta attraversando un periodo felice e sta lottando su tutti 3 i fronti (campionato-coppa Italia-Europa League). La squadra di Montella ha sconfitto prima il Milan in campionato e poi la Roma in Europa. 
Stramaccioni non ha a disposizione lo squalificato Badu. 
Rispetto alla vittoria contro il Milan Montella recupera il difensore Savic, l'esterno basso sinistro Alonso e la punta Gomez (i primi 2 titolari nella gara di giovedì) mentre il regista Pizarro è ancora alle prese con la lesione al bicipite femorale. 
In attesa di sapere le scelte definitive dell'aereoplanino, la Fiorentina conquisterà secondo noi i 3 punti. L'Udinese aspetterà ben chiusa gli ospiti che, per caratteristiche e per la maggiore qualità complessiva, faranno la gara. 
La sfida difficilmente regalerà più di 2 reti ed è da prendere in considerazione il mancato gol della squadra di casa, quotato quasi 3 volte la posta.


Pubblicato da Tommy il 21/03/2015

Tags:  seriea 










Contatti
Contatti